Privacy Policy
 

Dell’arte di saper ascoltare

Saper ascoltare

Dell’arte di saper ascoltare

Fin da piccoli impariamo a parlare e a sentire, ma siamo capaci di ascoltare?

In un mondo dove la parola è diventata uno strumento di comunicazione importante, saper ascoltare è fondamentale per poter distinguere ciò che vale da ciò che è solo fumo negli occhi.

Perché ascoltare non è semplicemente sentire.

Se io sento uso principalmente l’orecchio e non è detto che ciò che sento mi giunga totalmente e che io riesca a comprenderlo appieno.

Ascoltare invece implica anche l’uso di cuore e cervello.

 

Leonardo da Vinci diceva

Saper ascoltare significa possedere, oltre al proprio, il cervello degli altri

 

perché così i miei sogni, le mie idee, la mia energia, le mie passioni raddoppiano, triplicano, si moltiplicano in modo esponenziale arricchendomi nel profondo.

Ascoltare ci permette poi di poter esprimere meglio ciò in cui crediamo, i nostri valori, la nostra essenza senza dover per forza uniformarci a regole già definite da qualcun altro.

Saper ascoltare implica poi un gesto rivolto verso chi ci sta vicino che lo fa sentire accolto, un gesto gentile che ben dispone l’animo  … e si sa che di gentilezza ne abbiamo sempre più bisogno.

2 Comments
  • Nicoletta

    3 Aprile 2020 at 18:11

    Ciao Simonetta,
    ti scrivo per la prima volta perché con gioia e calma ( ora c’è tempo utile) ho appena letto il tuo post e lo ho apprezzato molto.
    L’ ascolto che ben descrivi fa parte del mio lavoro e da quando l’ho appreso ha veramente cambiato la sostanza del comune sentire a cui anche le mie orecchie, ahimè, si erano abituate .
    Grazie anche per le frasi d’ispirazione che hai inserito e per le tua arte in carta che mi piace molto.
    Un abbraccio

    • simovia

      7 Aprile 2020 at 16:14

      Grazie di cuore Nicoletta per il tuo commento.
      Sono convinta e tu forse me lo puoi confermare che poche persone ascoltano veramente. Spero che questo riposo forzato aiuti molti ad iniziare a farlo soprattutto iniziando da loro stessi.
      Grazie anche per i complimenti sulle mie sorprese di carta