Martina Notari ed Elena Mazzali: doppia intervista a colori

Martina Notari

Martina Notari ed Elena Mazzali: doppia intervista a colori

Questo mese doppia intervista con due donne super colorate del Team di Sognosoloacolori, Martina Notari ed Elena Mazzali.

Iniziamo con Martina Notari: Martina nel Team si occupa di CIBO E CUCINA. Con le sue conoscenze di naturopatia e Ayurveda ci conduce in una vero e proprio viaggio di educazione al gusto, alla sensorialità e ai sapori.

Martina vuoi raccontarci qualcosa di te?

Sono una ayurveda mentor, una filosofa, una giornalista, una naturopata e, dal 2020, mamma della mia splendida Diana.

Follemente innamorata della Toscana, ho vissuto mille vite prima di arrivare dove sono oggi.

Nel 2010 sono diventata giornalista, tuffandomi a capofitto nell’ambiente televisivo e nella produzione di video e di audio e nella divulgazione di informazioni, che hanno richiesto una grande energia e una buona capacità di gestione dello stress.

Tramite il giornalismo ho imparato a guardare la realtà con occhi diversi.

Nel 2017, dopo tre anni di studio, sono diventata Naturopata.

Ho studiato nella scuola EFOA international di Roma, apprendendo iridologia, ayurveda, naturopatia organica. Ho seguito anche corsi di hatha yoga e infiniti seminari di counseling e di approfondimento.

Ho compreso sempre di più le esigenze del mio corpo, ho imparato ad ascoltarlo, a studiarlo, a curarlo con maggiore attenzione. Galeotto fu il mio viaggio di nozze, che nel 2020 mi riporta tra le braccia dell’Ayurveda; un abbraccio da cui non mi sono più separata.

Oggi tutti gli insegnamenti di questa pratica fanno parte della mia quotidianità e di quella della mia famiglia.

Ovviamente in questo blog non posso non chiederti che rapporto hai con la carta? E’ un materiale che usi e se sì in che modo?

Ti basta sapere che appena compro un libro nuovo o un quaderno, o un diario, la prima cosa che faccio è toccarne le pagine e annusare l’odore della carta.

Io non sono una lettrice da Kindle, ho bisogno di sfogliare i libri, di sentire la carta sotto le mie mani.

Ho l’abitudine di tenere diari personali o anche semplicemente quaderni dove nota dei miei pensieri e delle mie idee. Amo scrivere sulla carta. La carta di permette di scegliere con cura le parole e ti fa anche essere più attenta a scegliere le parole giuste, a dare alla parola il peso che merita di avere.

Nel progetto di quest’anno il colore a te abbinato è il marrone. E’ un colore che ti appartiene? Come lo vivi nella tua quotidianità?

Il marrone per me è NATURA. Il marrone mi ricorda la terra, gli alberi, le montagne, le castagne, la cioccolata. Mi sento molto legata a questo colore grazie alla filosofia di vita che porto avanti con l’Ayurveda, in cui tutto è legato profondamente alla natura, alle stagioni, alla ciclicità, agli elementi.

Quindi lo vivo nel mio quotidiano quando passeggio, quando cucino, quando seguo la ciclicità delle stagioni, la stagionalità.

Il marrone è legato all’attenzione al cibo che portiamo in tavola, al modo in cui ci nutriamo. Quanto questo gesto gentile è importante per te e in che modo fa parte della tua vita e del tuo lavoro?

In Ayurveda la gentilezza, la cura, l’attenzione verso noi stessi e verso ciò che portiamo sulle nostre tavole è uno dei punti focali per vivere una vita di benessere e di autenticità. In Ayurveda il cibo è sacro, si entra in cucina puliti e senza scarpe, si cucina recitando mantra o ascoltando musica che possa ispirare. E soprattutto si ringrazia. Il cibo, chi lo ha preparato, si ringrazia e si benedice quello che arriva sulla tavola. Tutto questo fa parte ormai della mia vita e di quella della mia famiglia in ogni scelta che faccio che riguarda il cibo. A partire dalla spesa, fino alla tavola.

Grazie Martina per esserti raccontata ai miei lettori e averci fatto conoscere il tuo essere una donna colorata.

Come sempre chiudo questa intervista chiedendoti quali progetti hai per il futuro?

Moltissimi. In primis concretizzare al 100% Al centro di te, il mio progetto di corsi e percorsi ayurvedici per mamme e bambini. Scrivere un libro per spiegare l’Ayurveda ai bambini, espandere il progetto “I sapori della salute”, i miei laboratori di educazione al gusto, creare nuove collaborazioni con professioniste del settore benessere.

Se Martina Notari ti ha incuriosito e vuoi scoprire di più su di lei e su quello che fa ecco i link ai suoi social:

pagina Facebook : Al centro di te

profilo Instagram: martinanotari_alcentrodite

sito:  www.alcentrodite.it

E ora andiamo alla scoperta di Elena Mazzali. Elena nel Team si occupa di CIBO E CUCINA. Con la sua filosofia di cucina tradizionale porta sulla nostra tavola cibi buoni e genuini.

Elena Mazzari

Elena vuoi raccontarci qualcosa di te?

Ciao Simo e grazie per questo spazio, un saluto anche a tutti i lettori. Sono una Emiliana D.O.C e ti preparo le ricette della mia bellissima regione, l’Emilia – Romagna senza tralasciare la creatività! Fin da piccola trascorrevo le mie giornate in compagnia delle due bisnonne e di Nonna, mentre mamma e papà erano al lavoro e le sorelle prese da amici e scuola.

Nonna, sempre indaffarata tra un rammendo e una sfoglia, mi coinvolgeva nelle faccende domestiche. In particolare ricordo che su quel tagliere faceva tante magie: aggiungi impasta taglia e riempi. Dallo spennare la selvaggina cacciata da nonno alla lasagna della domenica. Veri capolavori culinari approvati da tutta la grande famiglia, infatti non passava giorno che non vi fossero amici e i lontani parenti a zonzo per casa.

Guardavo con ammirazione quei gesti e Nonna non ha perso tempo nell’educarmi come una donna d’altri tempi.

Il frigorifero sempre pieno, la pasta fatta a mano, dolci genuini e pieni di gusto.

La sua casa ormai vuota, emana ancora questi profumi: apro la porta e mi sembra di sentirli ancora nell’aria, di rivedere i gesti della mia infanzia.

Per me RASDORA è un modo di fare ed essere che viene spontaneo! 

Per questo la filosofia dei prodotti locali e della cucina di stagione è quanto porto nelle cucine dei miei clienti durante le cene private ed i workshop.

Ovviamente in questo blog non posso non chiederti che rapporto hai con la carta? E’ un
materiale che usi e se sì in che modo?

Adoro la carta tanto che molti dei miei ricettari sono stampati su carta, sai quella di color giallino perché vintage? Tra enciclopedie anni ’80 e ed i ricettari della nonna sfoglio carta come se non ci fosse un domani. Pure la carta assorbente da cucina utilizzo ma questo era sottinteso 😂 e dimenticavo la mia agenda colorata!

Nel progetto di quest’anno il colore a te abbinato è il marrone. E’ un colore che ti appartiene? Come lo vivi nella tua quotidianità?

Il marrone è un colore che mi ricorda la mia infanzia perché li associo alla cucina della mia nonna materna, dal tavolo sul quale preparava delizie per tutta la famiglia ai mobili della credenza passando per il grande tavolo e dove ci riunivamo a Natale Il terreno dei miei campi, il mattarello, il tagliere, il ripieno di carne insomma tutte le sfumature del marrone devo ammettere che circondano il mio vivere quotidiano e senza farlo apposta eh. Mi fa sorridere.

Il marrone è legato all’attenzione al cibo che portiamo in tavola, al modo in cui ci nutriamo.
Quanto questo gesto gentile è importante per te e in che modo fa parte della tua vita e del tuo
lavoro?

Posso dire che la mano che ti allunga e dona qualcosa di buono è il mio mantra, mentre ti
chiede se “hai mangiato abbastanza?” Gesto che rappresenta un invito a mangiare ancora per
nutrirci e stare bene. Fin dalla mia infanzia. Come Rasdora tramanda.

Grazie anche a te Elena per esserti raccontata ai miei lettori e averci fatto conoscere il tuo essere una donna colorata.

Come sempre chiudo questa intervista chiedendoti quali progetti hai per il futuro?

Tante sono le idee per il futuro, per alcune si tratta di veri e propri investimenti ma nell’immediato desidero arricchire la mia collana di ricettari digitali (qualcosa è già online qui) e creare nuovi workshop.

Se anche Elena ti ha incuriosito e vuoi scoprire di più su di lei e su quello che fa ecco i link ai suoi social:

Blog: Una Rasdora Single in cucina
Profilo Instagram: unarasdorasingleincucina
Pagina Facebook: unarasdorasingleincucina

No Comments

Post a Comment